ARREDARE CON IL COLORE PER MIGLIORARE IL BENESSERE ABITATIVO

studioArchide:>>>ARREDARE CON IL COLORE PER MIGLIORARE IL BENESSERE ABITATIVO

Arredare con il colore per migliorare il benessere abitativo

 

Ti incuriosiscono questi colori?

Dipingeresti le pareti di casa facendo una scelta diversa dai soliti schemi? Se sei un tradizionalista sicuramente hai storto il naso, ma in tanti azzarderebbero, almeno una volta, questa scelta.

Il colore delle pareti interne è un vero e proprio complemento d’arredo, e ha tutte le caratteristiche per essere definito tale.

Sai che il blu rappresenta la calma e concilia il sonno? E che il giallo è il simbolo dell’allegria ed è adatto per un salotto, se selezionato in tinte pastello?

La scelta del colore migliora il nostro benessere abitativo. Ma quali sono i colori giusti per gli ambienti? Escludiamo il bianco perché è oramai desueto anche negli uffici professionali e negli ambulatori medici, ed eliminiamo il nero che non induce a cambiare umore, se non in negativo.

Gli esperti di cromoterapia consigliano di immaginare di avere un ospite e fargli visitare la nostra casa.

L’ingresso è il luogo dell’accoglienza: evitate colori scuri e prediligete colorazioni calde in tinte tenui o rilassanti come il verde, colore dell’accoglienza e della calma.

Lo accogliamo poi nella zona living e se finora abbiamo pensato che illuminarla sia segno di benvenuto, gli studiosi sono convinti del contrario: troppa luce in un ambiente irrigidisce l’ospite, lo mette a disagio, limita le conversazioni e innesca dei terribili tempi morti, durante i quali nessuno sa cosa dire. E’ consigliabile anche qui usare colori caldi dal giallo al rosso, quest’ultimo più tendente al porpora, o rilassanti come l’azzurro ed il verde preferibilmente nelle tonalità più scure, e coprire la luce naturale con tende dai colori tenui.

arredare con il colore per migliorare il benessere abitativo

 

Lo invitiamo in cucina, simbolo di convivialità. In questo ambiente la scelta dei colori è più vasta: anche in questo caso, il giallo, il rosso e l’arancio sono il segno della vivacità e il bianco segno di pulizia e freschezza. Ma la cucina è anche il luogo dove si sperimenta e si lascia dar sfogo alla propria fantasia! Per cui nulla vieta che si possano utilizzare colori molto vivaci, in tinte anche forti, magari in una sola parete, per evitare di appesantire troppo l’ambiente. Si può poi giocare coi richiami al colore nei pensili o nelle fantasie delle piastrelle paraschizzi. A voi la scelta!

Anche la sala da pranzo propone tante opzioni: il rosso simboleggia l’allegria e lo star bene insieme; il rosa e le tinte della terra stimolano convivialità ed appetito. Sconsigliatissimi il verde e le tonalità di grigio perché inducono il senso di sazietà…. Prima di iniziare a mangiare J

Decidiamo di ospitare il nostro amico per la notte. Il suo riposo nella camera da letto è favorito dall’azzurro e dalle sue tonalità. Evitare, in assoluto, il rosso e le tinte troppo vivaci perché originano l’insonnia.

Le camerette dei bambini? Sono sempre un grosso dilemma, soprattutto se diamo loro la possibilità di scegliere. Il bambino è un creativo, perché non optare per disegni multicolore?

By |2017-10-26T16:59:42+00:0010 agosto 2017|arredamento|0 Comments

Leave A Comment